Rivale in politica di Giambattista Sommariva, Francesco Melzi d’Eril lo sfida apertamente costruendo sulla riva opposta del lago una villa neoclassica impreziosita da un raffinato giardino all’inglese con esemplari secolari di Cedri del Libano e suggestivi percorsi botanici.